Con molta passione tratto l’argomento del Gluten Sensitivity perché la positività al test genetico HLA e la susseguente esclusione d...

E SE FOSSI IPERSENSIBILE AL GLUTINE?

14:14 emma vitiani 0 Comments




Con molta passione tratto l’argomento del Gluten Sensitivity perché la positività al test genetico HLA e la susseguente esclusione del glutine (e anche del lattosio) hanno migliorato la mia vita e la mia salute e finalmente mi hanno concesso di dimagrire definitivamente e di ritardare l'invecchiamento. Degli stessi vantaggi ne traggono i miei pazienti e tutti coloro che seguono la Nutrigenetica basata sul risultato dei test del DNA. Dalla slide che ho messo come immagine di apertura e che uso nelle conferenze si evince che il glutine può creare problemi anche a chi non è celiaco.
La celiachia è un’intolleranza permanente al glutine, presente in avena, frumento, farro, Kamut orzo, segale, spelta e triticale. Questa sostanza proteica può creare una reazione d'ipersensibilità che può causare tensione addominale, intestino pigro o diarrea, stanchezza  e può essere colegata a malattie autoimmuni o ad alcuni casi d'infertlità femminile. 

La celiachia è solo la punta dell'iceberg dell'intolleranza al glutine e che in profondità, e quindi in molti casi, si tratta di una ipersensibilità che può essere individuata con il test genetico HLA GLUTINE DQ2, DQ8. Se è corretta la stima dei celiaci in Italia di circa 500.000 unità, si può prevedere che i pazienti con ipersensibilità al glutine siano almeno 3 milioni.
 
Nel mio quarto libro "KO al cancro" di Bertoni editore tratto sia questo argomento che la Nutrigenetica:


Nel libro riporto i dati di un interessante convegno indetto dall'AINUC del Prof. Carmelo Rizzo sulla Permeabilità intestinale e il Gluten Sensitivity nel quale abbiamo potuto ascolare per videoconferenza dall'America la maggiore eccellenza nel campo dell'ipersensibilità al glutine: il prof. Alessio Fasano dell’Istituto “Mucosal Bioloy Research Center” di Baltimora, sotto nella foto:

Nel libro "Ko al cancro" riporto parte della relazione del Prof. Fasano, grazie a lui si è potuto fare chiarezza sulla distinzione tra allergia al frumento, morbo celiaco e il Gluten Sesivity, cioè l’ipersensibilità al glutine, in base alle sue ricerche presso la “Maryland School of Medicine” di Baltimora.


Spesso il paziente che soffre di una sintomatologia gstrointestinale o che si lamenta di essere "gonfio" dopo aver mangiato la pasta  e risulta negativa ai test ematologici ed endoscopici per la celiachia spesso non sa che soluzione prendere. L'esclusione "fai da te" del glutine, la moda della "gluten free diet",  non è mai consigliabile ma occorre sempre farsi consigliare dal proprio medico e dal nutrizionista. Oltre tutto molte delle persone che soffrono per questa proteina sono anche intolleranti al lattosio o alle proteine del latte e quindi la sola esclusione del glutine non è sufficiente. 

LA SALUTE E IL GIUSTO PESO SONO SCRITTI SUI GENI.
IL TEST DEL DNA PER CAPIRE SE SI E' IPERSENSIBILI AL GLUTINE
L'ideale è, come consiglio ai nostri pazienti degli Studi Dietetici di Perugia, Foligno e di Abano Terme (PD), sottoporsi almeno ai test genetici glutine e lattosio con prelievo buccale. 
Il periodo di destossicazione e di graduale reintroduzione secondo il Protocollo Internazionale della Nutrigenetica dura circa sei mesi ed è sempre personalizzato secondo la patologia, l'età, i gusti alimentari e gli eventuali problemi di peso del paziente. La dietoterapia è facile, gradevole ed è a minimo 2000 Kcal, con i carboidrati al 55% come la corretta alimentazione prevede e cambia ogni due mesi con un notevole benficio sulla psiche, sull'energia e sull'attivazione metabolica.

Come ha confermato il Prof, Fasano il test HLA glutine dovrebbe essere fatto a tutti i  bambini e specie a quelli che si lamentano del "mal di pancia" o che hanno problemi intestinali o di pelle:

L'effetto straordinario è sulla perdita del peso e sulla facilità a mantenere il giusto peso e la buona salute seguendo il Protocollo Internazionale della Nutrigenetica. E' sempre il Porf. Fasano a confermare che "la maggioranze delle persone che seguono una dieta senza glutine perdono più peso di quelle persone che seguono una dieta ipocalorica". Siccome la tossicità dei cibi, in questo caso è tardiva, per il mantenimento dello stato di salute e di peso basterà eliminare glutine ( e latte) due o tre volte la settimana, senza pesare gli alimenti. 

IPERSENSIBILITA' AL GLUTINE COME DIETA DEL DOLORE

Già nel libro "KO al cancro " ho inserito un paragrafo " La giornata mondiale del sollievo e la dieta del dolore" nel quale spiego il rapporto tra dolore fisico e ipersensibilità al glutine e intolleranza al latte, sullo stesso argomento in questo blog potete rileggere il post" La dieta del dolore ausilio per la Fibromialgia". Convivo con questa patologia che comporta un dolore cronico neuropatico da più di dieci anni e posso affermare che l’esclusione temporanea del glutine è l’elemento fondamentale per tenere il dolore sotto controllo e con esso tanti problemi gastrointestinali e dermatologici. La persona che scopre da adulto di essere celiaco o che, come me, individua un’ipersensibilità genetica al glutine (Gluten Sensivity) trova enormi vantaggi nell’escluderlo. Tanti dolori muscolari, tante cefalee, tanti crampi scompaiono o si attutiscono sensibilmente. Ne ho avuto la prova quattro anni fa sottoponendomi al NUTRIGENE, l’esame che individua venti poliformismi genetici tra i quali l’HLA glutine.

Ma ricordate amici che la vera salute è olistica e deriva da un equilibrio tra mente, corpo e spirito, per questo offro ai miei pazienti, oltre alla dietoterapia del DNA, la Tecnica del Pensiero Positivo Creativo che aiuta ad essere sereni e vincenti e a migliorare le relazioni interpersonali e il lavoro. Su questa tecnica è basato l'ultimo libro di aforismi "Per una buona vita" di Bertoni editore.

CARI AMICI DEL BLOG chiamatemi o scrivetemi per chiarimenti o consigli.
Vi auguro un buon fine settimana  e vi ricordo che tutto ciò che scrivo per voi è "per una buona vita".



                                                                                                         CON GIOIA EMMA VITIANI

0 commenti:

Cari amici del BLOG è giunto il momento di detossicarsi. Dopo le feste pasquali ci si sente appesantiti e anche se un buon auto...

MAGRI SUBITO con la mia dieta ipotossica

12:38 emma vitiani 0 Comments





Cari amici del BLOG è giunto il momento di detossicarsi.

Dopo le feste pasquali ci si sente appesantiti e anche se un buon autocontrollo ha impedito un aumento di peso, un senso di gonfiore e di malessere rendono più faticose le normali attività. A questo senso di malessere si associano gli effetti della Primavera: stanchezza, irritabilita', insonnia e problemi gastrointestinali come il colon irritabile e il reflusso gastroesofageo. L'inquinamento ambientale è lo stress acuiscono questa sintomatologia. L’organismo subisce diversi tipi intossicanti: lo smog, il fumo, l’uso di farmaci, l’alcool e il cibo ricco di grassi, conservanti e coloranti. Lo stesso stress della vita moderna, troppo lavoro, tanti pensieri e poco sonno sono intossicanti. Se non ci si disintossica, le sostanze tossiche possono rimanere nell'organismo e il loro accumulo arriva a sconvolgerne l'equilibrio. Lo stress accentua anche la nostra tendenza ad ingrassare. 
Non preoccuparsi di ciò che si mangia e ricorrere a cibi già pronti o ricchi di grassi ha portato a aumento preoccupante dell’obesità e delle malattie legate alla disalimentazione. Il mio intento con questo BLOG è di far capire il potere di profilassi e di cura della dietoterapia e indurre voi amici ad apportare cambiamenti significativi nel vostro stile di vita.

LA MIA DIETA IPOTOSSICA
Sono arrivata a elaborare un mio concetto di dieta ipotossica studiando la scienza Eubiotica, di cui ho già ampliamente parlato nel mio primo libro “La Dieta Olistica”, MIR ED. Lo stile di vita perseguito dall’Eubiotica è caratterizzato da adeguate norme come evitare di fumare e di vivere in ambienti dove si fuma, dormire in ambienti tranquilli ed in particolare mangiare in modo sano con cibi freschi e di stagione così da permettere all’organismo di disintossicarsi e potenziare i fattori di difesa, in particolare quelli contro l’inquinamento ambientale. Così la dieta diventa anche un mezzo per ostacolare lo stress ossidativo che deriva dall'aggressione dei radicali liberi.





PER ATTUARE UNA DIETA IPOTOSSICA CONSIGLIO DI:

*Togliere lo zucchero bianco e diminuire i dolci e non bere bevande zuccherine come Coca Cola o aranciata né i succhi di frutta ma acqua, infusi e tisane non dolcificate


*Limitare l’uso di caffè e tè, preferire il tè verde. L’orzo è consigliato se non si deve escludere il glutine. Per supplire alla mancanza o diminuzione del caffè è possibile utilizzare altre sostanze che diano più tono senza eccitare il sistema nervoso: complessi vitaminici, la pappa reale, l'alga spirulina (quest'ultima a condizione che il fegato sia in buone condizioni e non per lungo tempo).

*Consumare solo prodotti freschi e frutta e verdura di stagione

* Bere molta acqua e ridurre drasticamente l'apporto di sale per evitare i ristagni e gli edemi frequenti, rileggete il post sul'IDRO-DIETOTERAPIA

*E’ necessaria un’abbondante quantità di verdura di stagione, frutta e farine esclusivamente integrali, alternando al grano altri cereali con meno glutine come farro, mais, riso e grano saraceno

* Limitare l'impiego della famiglia biologica delle solanacee (pomodori, melanzane, patate, peperoni) perché possono scatenare reazioni d’intolleranza alimentare

*Per rendere la dieta ipotossica occorre diminuire drasticamente (meglio se escludere!) il più possibile l’uso delle carni. Anche in questo caso è benefica la dieta vegetariana con un adeguato apporto di proteine vegetali. Così la dietoterapia diventa alcalinizzante e contrasta l'acidità delle carni.

*ALMENO DUE GIORNI A SETTIMANA, es. Lunedì e Venerdì, ELIMINATE LATTE, LATTICINI e controllate nei due giorni che questi cibi non siano dentro i cibi come ingredienti.

* Non diminuite drasticamente le uantità perchè il metabolismo si mette in ecnomia e in risparmio e non togliete i carboidrati ma usate pane, pasta integrali. Provare la FIBERPASTA troverete su questo blog un post su questo fantastico prodotto che ha un carico glicemico 23 e le fibre al 15%.

* CAMMINATE O FATE TAPPETO O CYCLETTE 30 minuti il giorno per attivare il metabolismo, servono 45 minuti per ottenere la lipolisi aerobica, perdere grasso corporeo con un esercizio aerobico. Pensate che ogni mattina mi alzo prestissimo per fare 45 minuti di bici da spinning, macchina per i pesi  e addominali. I benefici sono sulla salute, sulll'energia e sul ppeso ma soprattutto sull'umore perché l'attività fisica libera le endorfine che sono gli ormoni del benessere e alza i livelli di serotonina. 

Nel mio ultimo libro dietetico "SANI e MAGRI" edito da Bertoni Editore troverete maggiori informazioni sul mio metodo innovativo ed olistico:

RICAPITOLANDO per dimagrire e migliorare in salute e energia con la mia Dietoterapia Ipotossica cercate di usare solo prodott freschi, meglio per es. pane che fette biiscottate, meglio una brioche integrale fresca a colazione che i biscotti, bevete almeno 15 bicchiere di acqua il giorno, frazionate la dieta a sei pasti, usate farine integrali, almeno 3 frutti di stagione e 250 grammi di verdura a pasto, tra cotta e cruda, eliminate le carni almeno per 7 giorni e sostituitele con legumi, uova e pesce, concedetevi un buon piatto di pasta o riso integrali o Fiberpasta e msticate accuratamente i cibi. Consigliato escludere lunedi' e venerdì latte, latticini e formaggi per rendere la dieta alcalinizzante.


SANI E MAGRI PER SEMPRE CON LA NUTRIGENETICA.

LA DIETA BASATA SUL TEST DEL DNA che offro ai mie pazienti dal 2012. Quando ci si sottopone al TEST DEL DNA ( vedi post sulla Dieta del DNA) lattosio e glutine, insieme all'adattamento all stress, sono i tre elementi fondamentali tra i venti geni esaminati dal NUTRIGENE. 

Dopo essermi sottoposta al test genetico sei anni fa, e dopo un'esclusione continuativa per qualche mese, introduco latte e glutine solo il fine settimana e saltuariamente quando partecipo ai pranzi conviviali nei giorni di festa e noto sempre la differenza nel mio stato di salute tra i giorni di astinenza e quelli di reintroduzione. Appena introduco glutine e latte i formaggi ritornano gli stessi effetti: cefalea, gonfiore addominale, diarrea, rinite e congiuntivite allergica e dermatite e tendenza a ingrassare, sintomi che scompaiono con l’esclusione successiva. Terminare le feste ho visto l'esclusione come una vera liberazione e come un modo veloce e sano di perdere peso dopo le leccornie natalizie regalano.            FINO ALL'8 MAGGIO 2019 POTRETE SOTTOPORVI AL TEST GENETICO CON IL 20% DI SCONTO. Contattatemi per incontrarmi nei miei Studi di Foligno o di Perugia e ad Abano Terme (PD) dove lavoro ogni terza settimana del mese. 

E' proprio vero che la salute e il giusto peso sono scritti sui geni. Ma ricordate di associare alla dietoterapia il movimento. Ma fatelo ogni giorno perchè diventi un abitudine ( rileggete il post sul movimento).

Cari amici mi raccomando seguite i miei consigli e vedeteli come un mezzo per prendervi finalmente cura di voi. Siate grati di iniziare l'anno con l'intento di meritarvi più tempo e più attenzioni. Fatelo con gioia e con un atteggiamento di sfida. Agendo potrete ottenere qualsiasi traguardo.


CON GIOIA EMMA VITIANI














0 commenti: